Archivi tag: Boccioni

Mescolare o dividere

Il divisionismo non come stile ma come vera tecnica pittorica proiettata verso il futuro. Il colore non si mescola ma viene accostato facendo vibrare le onde elettromagnetiche. Una puntata di Quello di Arte Blog Radio Podcast Freestyle che va oltre la storia dell’arte.

Continua a leggere Mescolare o dividere

Annunci

Freestyle 3 – La scomparsa del soggetto

Il Novecento e le avanguardie artistiche hanno gradualmente disgregato il protagonista principale dell’arte, ovvero il soggetto. Oggi a Quello di Arte Blog Radio Podcast vi voglio raccontare questo lento passaggio in direzione un’arte che va verso l’astratto, che va verso l’assoluto.

Continua a leggere Freestyle 3 – La scomparsa del soggetto

Il futurismo

Coraggiosi, audaci, ribelli. Il pugno, lo schiaffo, la macchina, la guerra. Con queste parole i Futuristi presentano la loro avanguardia artistica il 20 febbraio 1909 pubblicando il Primo manifesto scritto da Filippo Tommaso Marinetti. Fino a che punto arriveranno. L’incontro di oggi di Quello di Arte Blog-Radio Podcast è dedicato al futurismo.

Continua a leggere Il futurismo

Il cubismo… e i suoi fratelli.

Picasso, Dora Maar e il gattoLa stagione delle avanguardie é in pieno fermento quando nel 1907 Picasso e Braque iniziano a rappresentare un mondo cubista. I tempi erano maturi, nessuno più concepiva la realtà se non con gli occhi analitici della scienza, è stato così dalla rivoluzione industriale in poi. Oltretutto nel 1905 Albert Einstein, con la teoria della relatività ristretta destabilizza i valori assoluti del tempo e dello spazio. Non sono tempi facili e di li a dieci anni si aprirà sul territorio europeo il primo conflitto mondiale, forse l’espressione più incosciente del progresso tecnologico.

C’è un filo rosso che passa per le avanguardie, ovvero quello di cercare un nuove modalità dell’arte. È una ricerca che schiera gli artisti in “prima linea” in una ipotetica guerra contro lo status quo dell’arte. Così il termine avant-gard, davanti alla guardia, è prestato all’arte dal linguaggio militare perché sono proprio tutti questi movimenti a fare da apripista e gettare il lessico artistico che sarà fondamentale per lo sviluppo dell’arte del XX e del XXI secolo.

Apre la stagione il Cubismo. Picasso, Braque, sentono che la visione accademica tradizionale aveva ormai esaurito il suo ciclo vitale già da molto tempo. Ci sono molti eventi che portano a questo cambiamento dei “sistemi di riferimento”. Nella fisica Einstein nel 1905 elabora la teoria della relatività ristretta (o speciale), così per molti diventa chiaro che la percezione di un fenomeno dipende dal punto di osservazione e poi, non da sottovalutare, è che il tempo e lo spazio si unificano in un solo principio, lo spazio-tempo.

Picasso, Les demoiselles d'Avignon
Pablo Picasso, Les demoiselles d’Avignon, 1907 Olio su tela, 243,9×233,7 cm MoMA, New York

È l’era del tutto è relativo, così quando un artista propone un soggetto da più punti di vista nello stesso momento, fa il cubismo. Così nel 1907 Picasso dipinge Les demoiselles d’Avignon. La donna in basso a destra, quella accovacciata in un posa volgare, nello stesso momento ci fa vedere la schiena, il viso di profilo e il viso di fronte. Le stiamo ruotando attorno, in un momento stiamo percependo lo stesso soggetto da più angolazioni.

È un nuovo modo di interpretare la realtà, tuttavia Picasso, Braque, non si discosteranno dalle tematiche classiche, infatti i soggetti sono ritratti, nature morte e paesaggi. É un cubismo analitico che scompone le forme, le parcellizza, come se la tela fosse uno specchio rotto. Il rischio che si incorre nel cubismo é la perdita di aderenza col soggetto perché continuando a  frammentare l’immagine, per forza di cose, si va verso una totale scomparsa della figurazione. Quando nel 1912 in Germania Kandinskij pubblica Dello spiritual nell’arte. É l’introduzione all’Astrattismo, il quadro non ha più una immagine iconica da far vedere ma si esprime per forme, colori; il soggetto sparisce dal quadro. Il Cubismo deve operare un cambiamento, anzi, una riaffermazione.

Kandinskij, composizione n°8
Vasilij Kandinskij, composizione n°8, 1923 olio su tela, 140×201cm Solomon R. Guggenheim Museum, New York

La strada é contesa tra la parcellizzazione dell’immagine e la riconoscibilità del soggetto. Una si oppone all’altra, in apparenza e i cubisti sanno che non possono cedere su nessuno dei due punti. Nello stesso 1912 Picasso realizza la Natura morta con sedia impagliata e il Cubismo, da analitico, diventa sintetico. Rimane la scomposizione ma si aggiungono degli elementi di riconoscibilità che permettono, con un po’ di attenzione, di interpretare del soggetto.

Questa interpretazione della realtà diventa il primo ingrediente del novecento. É il 1907 e a Parigi non ci sono solo i cubisti. Meno di due anni dopo, il 20 febbraio 1909, sempre nella capitale francese, debuttano i Futuristi che, a guardar bene i loro quadri, hanno proprio la stessa scomposizione del soggetto ma il tema é quello del moderno che irrompe “ruggente” fatto di treni, macchine, industrie e “risse in galleria”.

Boccioni, La città che sale
Umberto Boccioni, La città che sale, 1910-1911 Olio su tela, 199,3×301 cm Museum of Modern Art, New York

Nel frattempo, sempre a Parigi si sta distaccando dal cubismo un contingente di artisti che aggiunge la quarta dimensione,  il tempo, ovvero il movimento. Se prima i soggetti rappresentati erano fermi, il Cubismo Orfico introduce il senso del movimento e della simultaneità degli eventi fondendo tutto quello che era possibile nel quadro. Naturalmente questa attenzione alla velocità farà gola ai futuristi e la metteranno di prepotenza nella loro arte.

Duchamp, Nudo che scende le scale
Marcel Duchamp, Nudo che scende le scale n. 2, 1912 Olio su tela, 146 x 88 cm Philadelphia, Museum of Art, Collezione Walter e Louise Arensberg

Ecco che in meno di cinque anni si determina quello che sarà il punto di svolta dell’arte del novecento. I protagonisti di questi movimenti saranno determinanti per formare il linguaggio di tutto il secolo a divenire per quel che riguarda l’arte e la grafica del XX e del XI secolo.

Il modello industriale nell’arte del XX secolo.

Le Corbusier, ModulorNell’Ottecento l’industria ha modificato il sistema dell’arte e la mentalità degli artisti. Prima della rivoluzione industriale l’artista era un prestatore d’opera per una committenza esigente e circoscritta a piccoli gruppi sociali, corti, chiese che sapevano esattamente cosa volevano e avevano intorno personalità che avevano i mezzi per realizzarlo. Il sistema industriale estende la committenza fuori dalle istituzioni e chi fa arte spesso è fuori dai canali ufficiali delle accademie e delle botteghe. Nel novecento questa rivoluzionaria presenza sarà ancora più pressante perché non si assiste solo a un cambio di mentalità ma il sistema industriale diventerà protagonista dell’arte del novecento.

Continua a leggere Il modello industriale nell’arte del XX secolo.