Filippo Brunelleschi, Spedale degli Innocenti, 1419

Filippo Brunelleschi

Filippo di ser Brunellesco Lapi
(Firenze, 1377 – Firenze, 15 aprile 1446)
Architetto, ingegnere, scultore e orafo

Maestri: Benincasa Lotti

Allievi: Antonio di Tuccio Manetti

Cronologia Minima:

  • Brunelleschi nasce nel 1337 a Firenze. È figlio del notaio Brunellesco di Filippo Lapi e di Giuliana di Giovanni Spinelli. Già dai primi anni di vita fu impegnato nello studio della matematica e di geometria pratica, e venne a conoscenza dei primi rudimenti di prospettiva, il calcolo a distanza delle dimensioni. La sua formazione come artista è nella bottega dell’orafo Benincasa Lotti.
  • Nel 1401 partecipa al concorso indetto dai consoli dell’arte di Calimala per la realizzazione della porta nord del battistero di San Giovanni. Anche se la formella è stata innovativa per il momento, l’esito della prova non fu positivo per l’artista che vide dare l’incarico al Lorenzo Ghiberti.
  • Dal 1402 iniziano i soggiorni romani, spesso in compagnia dell’amico Donatello. L’esperienza dell’osservazione delle architetture antiche lo porterà all’arte delle costruzioni.
  • Nel 1410 per sfidare Donatello realizza il crocifisso di Santa Maria Novella. Il racconto di come tenne testa all’amico scultore è nella vita di Donato scritta da Giorgio Vasari.
  • Nel secondo decennio del ‘400 Brunelleschi inizia lo studio della prospettiva geometrica. Nel 1416 realizza due tavolette con le vedute prospettiche del battistero e di piazza della signoria.
  • Il 19 agosto del 1418 si bandisce il concorso per la cupola del Duomo di Firenze. Dopo diversi modelli e dimostrazioni, il 26 aprile 1420 Brunelleschi e a Ghiberti furono nominati provveditori della cupola; Filippo farà di tutto e riuscirà ad allontanare il rivale nell’appalto. I lavori inizieranno ufficialmente il 7 agosto 1420;
  • Nel 1419 avvia i lavori per la costruzione dello Spedale degli Innocenti. Inizia a concepire un’architettura modulare.
  • Dal 1421 progetta la Sagrestia Vecchia e la chiesa di San Lorenzo.
  • Nel 1424 collabora con Masaccio disegnando per lui l’impianto architettonico della trinità.
  • Nel 1429 complica la modularità dei suoi progetti nella Cappella de’ Pazzi.
  • Il 26 marzo 1936 fu inaugurata la Cupola di Santa Maria del Fiore che era ancora priva di lanterna.
  • Brunelleschi muore a Firenze il 15 aprile 1446. Un mese prima cominciarono i lavori per la costruzione della lanterna che vennero conclusi da Andrea del Verrocchio nel 1461.

Caratteristiche dello stile:

  • Sia in scultura che in architettura Brunelleschi sente l’esigenza di far percepire lo spazio attraversa la prospettiva. Nella scultura inserisce personaggi di quinta e opera per piani digradanti. In architettura utilizza il contrasto tra i materiali (per es.: intonaco ocra e pietra serena grigia; mattone rosso e marmo bianco) per evidenziare le forme lineari delle sue architetture.
  • Il modulo brunelleschiano è la composizione degli spazi attraverso forme geometriche replicate. Spesso utilizza multili e sottomultipli del cubo.
  • La sua conoscenza della storia romana gli permette di riutilizzare e reinterpretare i modelli antichi sia in scultura che in architettura. A volte interpreta in maniera autonoma alcuni particolari come quando ,a sostegno degli archi, usa le colonne anziché i pilastri, come di consueto nell’architettura romana.

Opere di riferimento:

Bibliografia:

  • Giorgio Vasari, Le vite de’ più eccellenti pittori, scultori e architettori, Firenze 1550.
  • Giulio Carlo Argan, Brunelleschi, Milano 1952.
  • Elena Capretti, Brunelleschi, Giunti Editore, Firenze 2003.

Brunelleschi su Quello di Arte:

Annunci

La Storia dell'Arte non è mai stata così semplice!

Nea: NuovaEcologiaArtistica

Un blog di Arte per l'arte contemporanea. Con-Tempo-Ra-Nea: con il tempo il sole sarà nuovo.

Storia di un impiegato

Se fossi stato al vostro posto, ma al vostro posto non ci so stare.

Il Canto delle Muse

La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi. La curiosità esiste per ragioni proprie. Non si può fare a meno di provare riverenza quando si osservano i misteri dell'eternità, della vita, la meravigliosa struttura della realtà. Basta cercare ogni giorno di capire un po' il mistero. Non perdere mai una sacra curiosità. ( Albert Einstein )

carpediem61blog

Carpe diem, quam minimum credula postero

fattixarte

FATTI X ARTE O ARTE X FATTI?

www.quellodiarte.com

La Storia dell'Arte non è mai stata così semplice!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: