Warhol, Marilyn Diptych

Pop-art

Periodo: 1960 – 1980

Dove: Stati Uniti, New York e influenze in Europa.

Eventi storici da ricordare:

  • 1962-1963: a Lexington avenue n°1342, Andy Warhol apre la prima factory. Un laboratorio condiviso da molti artisti.
  • Il 3 giugno 1968 Valerie Solanas entra nella factory di Andy Warhol e gli spara. Da quel momento Warhol riduce le apparizioni in pubblico. Due giorni dopo sarà assassinato Kennedy.

Ricerca estetica:

  • Tutto quello che è popolare inteso come oggetto di consumo di massa.
  • Ricerca di nuove icone.
  • Serialità.

Tecniche:

  • Tecnologie derivate dall’editoria e dalla pubblicità: stampa serigrafica, foto serigrafia e fumetti;
  • Ingrandimenti;
  • Tecniche pittoriche miste;
  • Assemblage o combine painting (come la toilette di Rauschenberg)
  • Riproduzione di oggetti reali: l’oggetto riprodotto, che sia la Campbell’s can o le scatole di sapone Brillo non sono ready-made ma sempre oggetti creati con manualità.

Opere:


Bibliografia:

  • P.Hackett, I diari di Andy Warhol, De Agostini, Novara, 1989
  • Mary Harron, Ho sparato a Andy Warhol, 1996 (film)
  • Julian Schnabel, Basquiat, 1996 (film)
Annunci

2 pensieri riguardo “Pop-art”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

La Storia dell'Arte non è mai stata così semplice!

Nea: NuovaEcologiaArtistica

Un blog di Arte per l'arte contemporanea. Con-Tempo-Ra-Nea: con il tempo il sole sarà nuovo.

Storia di un impiegato

Se fossi stato al vostro posto, ma al vostro posto non ci so stare.

Il Canto delle Muse

La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi. La curiosità esiste per ragioni proprie. Non si può fare a meno di provare riverenza quando si osservano i misteri dell'eternità, della vita, la meravigliosa struttura della realtà. Basta cercare ogni giorno di capire un po' il mistero. Non perdere mai una sacra curiosità. ( Albert Einstein )

carpediem61blog

Carpe diem, quam minimum credula postero

fattixarte

FATTI X ARTE O ARTE X FATTI?

www.quellodiarte.com

La Storia dell'Arte non è mai stata così semplice!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: