Van Gogh, Campo di Grano

Postimpressionismo

Periodo: 1886 – 1905

Dove: Francia con tendenze in Italia

Eventi storici da ricordare:

  • 1839. Michel Eugène Chevreul pubblica i suoi studi esponendo i principi del contrasto simultaneo.
  • 1880. Tahiti diventa colonia francese.
  • 1886. Ultima mostra impressionista.
  • 1905. Prima mostra dei Fauves al Salon d’Automne di Parigi, inizio delle avanguardie storiche.

Ricerca estetica:

  • Distacco dalle tematiche borghesi e cittadine dell’impressionismo.
  • Trasformazione delle forme naturali e tendenza verso un’interpretazione della realtà in direzione espressionista (Van Gogh).
  • Mantenimento dei colori naturali, in alcuni casi si intensificano le tonalità dei soggetti (Gaguin).
  • Reinterpretazione dello spazio prospettico e delle forme in geometrie semplici (Cezanne, Seurat).

Tecniche:

  • Divisionismo, puntinismo. Derivano dalle teorie di Chevreul che studiano l’effetto di reciproca intensificazione delle tinte che si ottiene dall’accostamento di colori complementari.
  • Cloisonnisme. É la linea che demarca il confine dei colori rendendo il quadro più simile a una vetrata di una cattedrale. (Gauguin).
  • Pittura materica e spatolata (Van Gogh).

Opere di riferimento:

Bibliografia:

  • Alfredo da Paz, L’ età postimpressionista. Scienza, soggettività e simbolo da Seurat a Klimt, Liguori 2003
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

La Storia dell'Arte non è mai stata così semplice!

Il Canto delle Muse

La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi. La curiosità esiste per ragioni proprie. Non si può fare a meno di provare riverenza quando si osservano i misteri dell'eternità, della vita, la meravigliosa struttura della realtà. Basta cercare ogni giorno di capire un po' il mistero. Non perdere mai una sacra curiosità. ( Albert Einstein )

Not the usual tourists

Due Italiani in Giappone & oltre

carpediem61blog

Carpe diem, quam minimum credula postero

fattixarte

FATTI X ARTE O ARTE X FATTI?

www.quellodiarte.com

La Storia dell'Arte non è mai stata così semplice!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: