Archivi categoria: Editoriale

YouTube non riconosce tiziano (e lo rimuove)

Eccoci qua, ve lo dico, era solo questione di tempo ma YouTube mi ha scoperto e ha rimosso la copertina di un contenuto video; esattamente del video Walkman 36 – Color color, Tiziano, la traccia audio della puntata di quello di arte di lunedì 4 novembre 2019

Ovviamente immaginate la tragedia famigliare che si è scatenata dopo essermi trovato nella casella di posta questa inquietante missiva:

Ci siamo fatti una risata, però mi sono detto, finalmente YouTube c’è cascato e quindi, anche io, nei panni vestiti di Quello di Arte posso scrivere un articolo al vetriolo per difendermi dal bullismo informatico del social video più famoso del mondo.

Proprio così, cari amici il gigante dal bollino rosso col triangolino al centro si è accorto di una pulce che fa nemmeno 100 acessi al giorno e lo ha fatto riconoscendo un nudo esposto… e che nudo esposto.

Infatti, quell’ignorante di Algoritmo di YouTube, quello che riesce a riconoscere la faccia di Bin Laden camuffato da Sbirulino (i giovani leggano Ronald Mc Donald); non si è accorto che quelle tette che ha riconosciuto come pornografiche e provocatorie appartengono alla Venere di Urbino dipinta da Tiziano. Vero che l’avranno vista sì e no tre miliardi di persone, meno di un terzo della popolazione mondiale, e lAlgoritmo non l’ha riconosciuta

Non stiamo parlando dell’Origine del mondo di Courbet; nemmeno di un quadro di seconda fattura di un artista minore del Rococò; roba che se avvesse avuto la stessa mancanza un mio alunno, non gli avrei fatto mai vedere l’alba del nuovo anno scolastico.

So che posso fare ricorso. Lo farò e gli tornerò indietro quel che merita. YouTube mi dice che se ho ragione – e cacchio se ce l’ho – reintegreranno le immagini. Ma a quel punto non mi interesserà perché una nuova miniatura è stata già preparata e caricata. Che ne dite? Ho censurato anche il lato B della fantesca.

Adesso però voglio, per una volta fomentare l’odio, l’odio di chi mi segue verso l’Algoritmo, verso l’ignoranza del progresso che ormai troppo spesso scambia per pornografia, per volgare, il patrimonio più importante dell’umanità, quello dell’Arte!

Voi cosa scrivereste? Fatemi sentire la vostra solidarietà! Vi aggiornerò sul seguito, quando ci sarà.

Vorrei comunque ringraziare YouTube per avermi dato l’occasione per scrivere in un articolo la parola Tette, per ben due volte; il chè farà alzare vertiginosamente l’attenzione al mio blog.

Il rasoio dell’ Arte

Nella pratica quotidiana della Storia dell’Arte trovo sempre quella categoria di appassionati che hanno il brutto vizio di essere “supercazzulatori” seriali. Purtroppo questa gente è sempre dietro l’angolo e a volte, in quel punto cieco della decenza, ci vado anche io a fargli compagnia. Qual è quindi il linguaggio “onesto” per parlare di Arte con profondità e godimento, fuggendo inutili sofisticazioni? Ve lo dico in poche parole. Voi che ne pensate?

Continua a leggere Il rasoio dell’ Arte

Breve storia dell’architettura

Le novità della stagione 2019/2020 iniziano oggi. Paura dell’architettura? E chi non ne ha. Ma da ora Quello di Arte viene in vostro soccorso con il primo manuale grafico dedicato proprio all’architettura. Più leggero di un tablet e più semplice del vostro Prof. di Arte. In 102 pagine troverete tutto quello che c’è da sapere sull’arte del costruire.

Acquista il libro

Scarica il libro in versione eBook cliccando qui

Scarica il libro in versione “cartacea” cliccando qui

Leggi altro

L’Arte rinasce sempre.

Oggi,#15aprile2019 la giornata è iniziata con il ricordo della nascita di #Leonardo e si è conclusa, purtroppo con la terribile scomparsa di #notredame. Oggi viviamo la tragedia, domani si ricomincerà a ricostruire perché l’arte è così, é la fenice che risorge dalle proprie ceneri Quel luogo dove restano ormai i carboni ardenti e le ceneri della Nostra Signora di Parigi è ancora il suo luogo. 

Continua a leggere L’Arte rinasce sempre.

Discorso di fine anno

Degli anni pari ho sempre avuto un po’ timore. Spiegarne il perché non lo so, è una cosa mia, forse perché sono gli anni in cui ho avuto le peggiori “sfighe” che si avrebbe potuto desiderare (per altri). Mi astengo dall’elencare le summenzionate “sfighe” anche perché questo blog non voglio che diventi sede di fatti privati salvo la passione che mi lega agli argomenti di cui vi parlo. Quindi, adesso, alla fine del 2018 – anno paro – è tempo di guardare in dietro e vedere quel che si è fatto. Potrei trasformarmi in una statua di sale?

Continua a leggere