Nicola Pisano, Pulpito del duomo di Siena

Il gotico italiano

Periodo: 1197 – 1285

Dove: Dall’Italia centro-meridionale con diffusione verso il nord.

Eventi storici da ricordare:

  • 1197. Federico II di Svevia, a soli tre anni, eredita la corona del Sacro Romano Impero e del Regno di Sicilia.
  • 1247 c.ca. Trasferimento di Nicola de Apulia in Toscana. Prenderà il nome di Nicola Pisano.
  • 1250. Morte di Federico II.
  • 1266. Carlo d’Angiò conquista il Regno di Sicilia sottraendolo a Manfredi, figlio naturale di Federico II.
  • 1270. Trasferimento dalla Toscana a Roma di Arnolfo di Cambio.
  • 1282. Vespri siciliani. Divisione del Regno di Sicilia, estromissione della forte politica fiscale angioina e alleanza con la corona aragonese.
  • 1285. Morte di Carlo d’Angiò.

Ricerca estetica:

  • Recupero dell’arte classica e riutilizzo delle statue antiche.
  • Ripresa dei modelli antichi e commistione con la scultura gotica.
  • Horro Vacui.

Tecniche:

  • Scultura, intaglio della pietra e del legno.

Opera di riferimento:

Bibliografia:

  • Enrico Castelnuovo, Artifex bonus – Il mondo dell’artista medievale, Laterza, 2004.
  • Georges Duby, Storia artistica del Medioevo, Laterza, 1996.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

La Storia dell'Arte non è mai stata così semplice!

Nea: NuovaEcologiaArtistica

Un blog di Arte per l'arte contemporanea. Con-Tempo-Ra-Nea: con il tempo il sole sarà nuovo.

Storia di un impiegato

Se fossi stato al vostro posto, ma al vostro posto non ci so stare.

Il Canto delle Muse

La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi. La curiosità esiste per ragioni proprie. Non si può fare a meno di provare riverenza quando si osservano i misteri dell'eternità, della vita, la meravigliosa struttura della realtà. Basta cercare ogni giorno di capire un po' il mistero. Non perdere mai una sacra curiosità. ( Albert Einstein )

carpediem61blog

Carpe diem, quam minimum credula postero

fattixarte

FATTI X ARTE O ARTE X FATTI?

www.quellodiarte.com

La Storia dell'Arte non è mai stata così semplice!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: