Gericault, la zattera della Medusa, 1819

Romanticismo

Primo romanticismo, Romanticismo Storico

Periodo: dal 1814 fino agli anni ’50 dell’800.

Dove: Francia, Italia, Spagna, Inghilterra, Germania

Eventi storici da ricordare:

  • Congresso di Vienna (1814) e restaurazione dei confini nazionali
  • Risorgimento Italiano

Ricerca estetica:

  • Esaltazione del sentimento
  • Contemporaneità degli avvenimenti
  • Ritorno alla romanza e al medioevo
  • Esotismo
  • Ricerca nell’identità nazionale
  • Alto senso religioso
  • Inadeguatezza dell’uomo verso la natura

Tecniche:

  • Nella prima fase l’impostazione della figura nello spazio è simile al neoclassico proprio perché molti di questi artisti hanno formazione accademica. È evidente l’outline-drawing e luce diffusa;
  • Con il tempo la “rigidità” neoclassica si dissolve e lascia spazio a un colore più materico e privo di contorni.

Architettura (eclettismo e restauro architettonico):

  • L’architetto utilizza un repertorio di forme riprese dalla storia in modo libero e personale;
  • Le strutture si appoggiano o su architetture realmente antica (Carcassonne) oppure si ricostrusce in stile;
  • Osservando queste architetture spesso la decorazione è attuale, si rifà al medioevo nelle tematiche ma non nel senso estetico.

Opere di riferimento:

Bibliografia:

  • A.Manzoni, i Promessi Sposi, 1842
  • A.Pinelli, Nel segno di Giano, 2000, c.Ed Carocci
Annunci

1 commento su “Romanticismo”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

La Storia dell'Arte non è mai stata così semplice!

Il Canto delle Muse

La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi. La curiosità esiste per ragioni proprie. Non si può fare a meno di provare riverenza quando si osservano i misteri dell'eternità, della vita, la meravigliosa struttura della realtà. Basta cercare ogni giorno di capire un po' il mistero. Non perdere mai una sacra curiosità. ( Albert Einstein )

Not the usual tourists

Due Italiani in Giappone & oltre

carpediem61blog

Carpe diem, quam minimum credula postero

fattixarte

FATTI X ARTE O ARTE X FATTI?

www.quellodiarte.com

La Storia dell'Arte non è mai stata così semplice!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: