Jacques Louis David, il giuramento degli Orazi, 1784

Jacques-Louis David

(Parigi, 30 agosto 1748 – Bruxelles, 29 dicembre 1825)
Pittore.

Rivoluzionario per definizione. Il primo pittore della pittura positivista francese. In david si determina il pensiero della rivoluzione e dell’impero napoleonico grazie alla sua abilita di trasformarsi al passaggio dei regimi. David riprende i temi etici, soprattutto politici, della cultura romana antica e li porta ai contemporanei con exempla virtutis di un mondo perfetto. Sostiene la sua pittura uno stile razionale, disegnativo, a cui anche il colore si subordina. Perfino nel buio non lascia zone d’ombra a confondere lo spettatore.

Maestri: François Boucher, Joseph-Marie Vien.

Allievi: François-Xavier Fabre, Jean-Baptiste Wicar, Anne-Louis Girodet de Roussy-Trioson, Jean-Germain Drouais, Jean-Baptiste Debret

Cronologia Minima:

  • 1748 – Il 30 agosto nasce Jacques-Louis David. Il padre, Louis-Maurice David, è un commerciante di ferro. La madre, Marie-Geneviève Buron, lontana parente del famoso pittore François Boucher è sorella dell’architetto François Buron.
  • 1757 – Dopo la morte del padre viene affidato alla tutela dello zio François Buron che lo introduce all’architettura.
  • 1764 – Inizia a dedicarsi alla pittura, dopo una prima presenza nell’atelier diun ormai anziano François Boucher, viene indirizzato al pittore Joseph-Marie Vien che oltre a farlo lavorare accanto a sé lo iscrive nell’Académie royale.
  • 1769 – Vince il Prix de quartier che gli permette la partecipazione al Prix de Rome, una borsa di studio triennale istituita dal governo francese per la formazione a Roma, nell’Accademia di Francia, di giovani artisti.
  • 1774 –  Dopo diversi tentativi falliti (dal 1771 al 1773) riesce a vincere il Prix de Rome.
  • 1775 – David arriva a Roma insieme al maestro Joseph-Marie Vien, nominato direttore dell’Accademia di Francia.
  • 1780 – Il 17 luglio ritorna a Parigi.
  • 1782 – Sposa  Marguerite Charlotte Pécoul. Con i soldi della dote (50.000 lire) prende un atelier con alloggio al Louvre. I primi allievi sono François-Xavier Fabre, Jean-Baptiste Wicar, Anne-Louis Girodet de Roussy-Trioson, Jean-Germain Drouais, Jean-Baptiste Debret.
  • 1789 – Settembre. Insieme a Jean-Bernard Restout, David  organizza il gruppo di Accademici dissidenti, intenzionata far perdere all’Accademie royale i suoi privilegi statali.
  • Dal 1791 al 1795 intensifica il suo impegno politico. Diventa segretario della convenzione  giacobina e non si oppone all’esecuzione di vecchi amici e committenti.
  • 1755. Caduto Robespierre, viene accusato dell’appoggio dato al rivoluzionario che era diventato capo indiscusso della repubblica. Sarà imprigionato più volte per pochi mesi e infine graziato.
  • 1796. Dopo la battaglia di Lodi, David manifesta la sua simpatia per le vittorie di Napoleone.

Caratteristiche dello stile

  • Outline-Drawing  (disegno e pittura) e luce diffusa.
  • Quinta architettonica che interrompe la spazialità dello sfondo con l’idea di un bassorilievo dipinto
  • Imitazione dell’antico, valori etici della storia romana(exempla virtutis) e bellezza estetica della storia greca
  • Allontanamento del momento descritto dalla katastrofè, gli eventi al culmine della tragedia.

Opere di riferimento:

 

Bibliografia:

  • Antonio Pinelli, David, 5 Continents Editions, 2004

Jacques-Louis David su Quello di Arte:

Annunci

La Storia dell'Arte non è mai stata così semplice!

Nea: NuovaEcologiaArtistica

Un blog di Arte per l'arte contemporanea. Con-Tempo-Ra-Nea: con il tempo il sole sarà nuovo.

Storia di un impiegato

Se fossi stato al vostro posto, ma al vostro posto non ci so stare.

Il Canto delle Muse

La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi. La curiosità esiste per ragioni proprie. Non si può fare a meno di provare riverenza quando si osservano i misteri dell'eternità, della vita, la meravigliosa struttura della realtà. Basta cercare ogni giorno di capire un po' il mistero. Non perdere mai una sacra curiosità. ( Albert Einstein )

carpediem61blog

Carpe diem, quam minimum credula postero

fattixarte

FATTI X ARTE O ARTE X FATTI?

www.quellodiarte.com

La Storia dell'Arte non è mai stata così semplice!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: