Alphonse Maria Mucha, pubblicità Bieres de la Meuse, 1896

Liberty

Periodo: fine Ottocento, inizi Novecento.

Dove: Liberty in Italia, Modern Style in Gran Bretagna, Art Nouveau in Francia e in Belgio, Jugendstil in Germania, Sezessionstil in Austria e Modernismo in Spagna

Eventi storici da ricordare:

  • Affermazione economico-sociale della borghesia legata allo sviluppo industriale soprattutto nella siderurgia.
  • 1861, fondazione della Morris, Marshall Faulkner & Co.
  • 1896, secessione viennese.

Ricerca estetica:

  • Importante lo stile decorativo che rievoca le forme naturali, fitomorfiche.
  • Legato all’industra, questo stile cerca di dare bellezza estetica al prodotto industriale
  • Grafica pubblicitaria

Tecniche:

  • Tutte le tecniche tradizionali dalla pittura alla stampa. Si sviluppa la litografia.
  • Tecniche di lavorazione dei metalli: dal ferro battuto alla fusione.
  • Catena di montaggio.

Architettura:

  • L’edificio alterna a forme lineari forme ondulate e irregolari.
  • Le architetture risentono di un forte impulso decorativo dove si alternano materiali provenienti dall’industria.
  • Le decorazioni – spesso in ferro – sono lavorate con motivi floreali e zoomorfi.
  • Nascono forme e moduli costruttivi singolari per ogni edificio.

Opere di riferimento:

Articoli correlati:
Gustav Klimt. Ritratto di Adele Bloch-Beuer

Bibliografia:

  • Eric Ibsen, Casa di Bambola, Einaudi, 1963
Annunci

2 pensieri riguardo “Liberty”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

La Storia dell'Arte non è mai stata così semplice!

Il Canto delle Muse

La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi. La curiosità esiste per ragioni proprie. Non si può fare a meno di provare riverenza quando si osservano i misteri dell'eternità, della vita, la meravigliosa struttura della realtà. Basta cercare ogni giorno di capire un po' il mistero. Non perdere mai una sacra curiosità. ( Albert Einstein )

Not the usual tourists

Due Italiani in Giappone & oltre

carpediem61blog

Carpe diem, quam minimum credula postero

fattixarte

FATTI X ARTE O ARTE X FATTI?

www.quellodiarte.com

La Storia dell'Arte non è mai stata così semplice!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: