Jan Van Eyck, i coniugi Arnolfini, 1434.

Rinascimento, l’arte fiamminga

Periodo: XV-XVI sec.

Dove: Fiandre, con importanti influenze in europa e in Italia.

Eventi storici da ricordare:

  • 1339-1441. Vita i Jan Van Eyck.
  • 1444-1482. Ducato di Federico da Montefeltro signore di Urbino. Alla sua corte opereranno molti artisti fiamminghi come Petrus Christus.
  • 1450. A Napoli, Antonello da Messina entra nella bottega di Colantonio, allievo del pittore fiammingo Barthélemy d’Eyck.

Ricerca estetica:

  • Naturalismo del dettaglio. Ogni particolare del quadro fiammingo è realizzato con cura maniacale. É un riflesso dell’Horror Vacui medievale.
  • Prospettiva non elaborata, empirica a volte, in atrii casi è utilizzata la semplice piramide prospettica prospettiva centrale.
  • Il ritratto é spesso di 3/4 per avere una visione completa del soggetto, frontale e di profilo nello stesso quadro.

Tecniche:

  • Sviluppo delle tempere grasse.
  • Invenzione della pittura a olio su tavola e perfezionamento della tecnica da parte di Jan Van Eyck che la diffonde in Europa.

Opera di riferimento:

Bibliografia:

  • Cvetan Todorov, Elogio dell’individuo. Saggio sulla pittura fiamminga del Rinascimento, Apeiron, 2001.
  • Bert W. Meijer (a cura di), La pittura nei Paesi Bassi, Mondadori Electa, 1997.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

La Storia dell'Arte non è mai stata così semplice!

Nea: NuovaEcologiaArtistica

Un blog di Arte per l'arte contemporanea. Con-Tempo-Ra-Nea: con il tempo il sole sarà nuovo.

Storia di un impiegato

Se fossi stato al vostro posto, ma al vostro posto non ci so stare.

Il Canto delle Muse

La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi. La curiosità esiste per ragioni proprie. Non si può fare a meno di provare riverenza quando si osservano i misteri dell'eternità, della vita, la meravigliosa struttura della realtà. Basta cercare ogni giorno di capire un po' il mistero. Non perdere mai una sacra curiosità. ( Albert Einstein )

carpediem61blog

Carpe diem, quam minimum credula postero

fattixarte

FATTI X ARTE O ARTE X FATTI?

www.quellodiarte.com

La Storia dell'Arte non è mai stata così semplice!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: