Triclinio della villa dei misteri

Roma, monarchia e repubblica

Periodo: dal 753 a.C. al 27 a.C.

Dove: Roma e territorio italiano.

Eventi storici da ricordare:

  • 21 aprile 753 fondazione di Roma e inizio del periodo monarchico.
  • 616 a.C. Tarquinio Prisco diventa quinto re di Roma. Il primo degli ultimi tre re etruschi.
  • 509 a.C. Destituzione dell’ultimo re romano e proclamazione della repubblica.
  • 246-146 a.C. Guerre puniche per l’egemonia sul Mediterraneo.
  • 44 a.C. Assassinio di Cesare.
  • 27 a.C. Ottaviano Augusto diventa imperatore.

Ricerca estetica:

  • Le arti figurative hanno un ruolo secondario nella cultura romana della monarchia e della repubblica.
  • Emergono le tecniche architettoniche finalizzate all’urbanistica e all’estensione del territorio.
  • Stili della pittura.
    • I stile, detto strutturale o a incrostazione (fine III sec. a.C – fine II sec. a.C). Era già in uso in ambito mediterraneo e imita i marmi in pittura per decorare le case meno abbienti.
    • II stile, detto dell’architettura in prospettiva o architettonico (I sec a.C. – 30 a.C.).
    • III stile, detto della parete reale o ornamentale (30 a.C. – 54 d.C.). Si semplifica ogni illusione architettonica, le architetture sono dipinte esili, decorate da paesaggi o piccole figure.
    • IV stile, detto fantastico o dell’illusionismo prospettico, (metà I sec. d.C. – 62 d.C.) raccoglie le suggestioni dei primi tre stili con un approccio scenografico.
  • La scultura tende a essere realistica. Importante e costante la definizione del ritratto dalle maschere funerarie in cera fino alla scultura in marmo a tutto tondo.

Tecniche:

  • Scultura in marmo, anche policroma.
  • Affresco ed encausto.
  • Mosaico lapideo.

Architettura:

  • L’architettura persegue il principio dell’utile. Già dai primi secoli iniziano la costruzione delle infrastrutture. Acquedotti, fognature e strade.
  • Si inizia a utilizzare il cemento, composto di calce e pozzolana, per dare resistenza alle strutture murarie.
  • I muri sono costruiti a sacco: due pareti in mattone con una intercapedine riempita di calcestruzzo e detriti.
  • La decorazione del muro é delegata alla disposizione e alla forma dei mattoni (opus):
    • Opus siliceum, realizzato con pietre non lavorate e disposte a secco, senza cemento, una sopra all’altra;
    • Opus quadratum, realizzato con pietre sagomate a forma di parallepipedo;
    • Opus caementicium, é un muro composto da un agglomerato di pietre e cemento;
    • Opus incertum, é un muro di pietre di forma irregolare tenute insieme dal cemento;
    • Opus reticulatum, costituito da una decorazione formata da mattoncini di forma tronco-piramidale a base quadrata posizionati in diagonale, ;
    • Opus lateritium e opus testaceum, costituiti da tegole o mattoni cementificati;
    • Opus spicatum, realizzato con mattoni posizionati perpendicolari tra loro a modo di ricordare il disegno di una spiga;
    • Opus vittatum, in cui si alternano filari di mattoni e filari di blocchi di tufo;
    • Opus mixtum, che sovrappone filari diversi di opus in mattone.

Opera di riferimento:


Bibliografia:

  • Ranuccio Bianchi Bandinelli e Mario Torelli, L’arte dell’antichità classica, Etruria-Roma, Utet, Torino 1976.
  • Indro Montanelli, Storia di Roma, Rizzoli 2003.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

La Storia dell'Arte non è mai stata così semplice!

Nea: NuovaEcologiaArtistica

Un blog di Arte per l'arte contemporanea. Con-Tempo-Ra-Nea: con il tempo il sole sarà nuovo.

Storia di un impiegato

Se fossi stato al vostro posto, ma al vostro posto non ci so stare.

Il Canto delle Muse

La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi. La curiosità esiste per ragioni proprie. Non si può fare a meno di provare riverenza quando si osservano i misteri dell'eternità, della vita, la meravigliosa struttura della realtà. Basta cercare ogni giorno di capire un po' il mistero. Non perdere mai una sacra curiosità. ( Albert Einstein )

carpediem61blog

Carpe diem, quam minimum credula postero

fattixarte

FATTI X ARTE O ARTE X FATTI?

www.quellodiarte.com

La Storia dell'Arte non è mai stata così semplice!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: