Archivi tag: Paolo Uccello

Febbraio, il mese breve ma buono!

Febbraio: scala la classifica del mese un’articolo di Quello di Arte scritto qualche mese fa per giocare ma che, sto constatando, ha suscitato l’interesse di un folto gruppo di amici. Al primo posto nella classifica l’analisi de Il ritratto di Teresa Catellani, se non sapete chi sia questa misteriosa donna leggete e ne sarete piacevolmente divertiti; segue Paolo Uccello e La dolce preospettiva; chiude al terzo posto del podio il Futur-futurismo, un buon modo per festeggiare i 110 anni dalla pubblicazione del primo manifesto.

Continua a leggere Febbraio, il mese breve ma buono!
Annunci

La dolce prospettiva

Ricorda Vasari che quando la moglie di Paolo Uccello lo chiamava a dormire egli rispondeva “Oh che dolce cosa è questa prospettiva!”. Oggi in StArt parleremo del più grande interprete delle linee del Quattrocento.

Continua a leggere La dolce prospettiva

Natale con Quello di Arte

Buon Natale a tutti. Come vanno i festeggiamenti? E il cenone? Vi siete organizzati per la veglia di mezzanotte? Oggi voglio dedicare la Minimostra a qualche Natività, quello un po’ più meno note della storia dell’arte. Ne volete segnalare anche voi? Aggiungetele nei commenti!

Continua a leggere Natale con Quello di Arte

Tutta una questione di tempo e di spazio

Nel quattrocento l’arte si appropria di due importanti dimensioni che identificano la natura stessa dell’essere umano. Oggi, in StArt, parleremo del tempo e dello spazio nell’arte rinascimentale.

Continua a leggere Tutta una questione di tempo e di spazio

Artista, ma come ti chiami?

QSu twitter una follower mi ha posto la seguente domanda.
«Ciao @quellodiarte mi sapresti dire perché i francesi traducono Michelangelo? Come se noi scrivessimo Edgardo Degas, Piero Augusto Renoir.» Qualche ora dopo non trovando una risposta mi ha chiesto, «@quellodiarte non era una domanda retorica. Traducono Michelangelo in Michel Ange. Noi mica diciamo Francesco Augusto Renato Rodin.» e si spiega «Sono irrimediabilmente nazionalisti, chiamano computer ordinateur. Ma Michelangelo è MICHELANGELO»

Lo spunto é interessante e non per la risposta che è molto semplice ma perché permette di fare un piccolo viaggio anagrafico tra i nomi degli artisti.
Continua a leggere Artista, ma come ti chiami?