Pablo Picasso. Guernica.

Picasso, Guernica

Il 26 aprile 1937, la Luftwaffe tedesca appoggiata dall’Aviazione Legionaria Fascista bombarda la capitale basca Guernica. Il governo spagnolo commissiona a Picasso l’opera che avrebbe dovuto decorare l’ingresso del padiglione spagnolo dell’Esposizione Mondiale di Parigi dello stesso anno.
Nel frattempo la spagna capitolava sotto i colpi di Francisco Franco e l’opera non ritornò in patria. Rimase fino al 1981 al MoMA di New York dopodiché fu riportata al Museo Reina Sofia di Madrid.

L’opera critica la guerra, tutte le guerre. Annullando il colore, scegliendo tinte monocrome, Picasso porta la riflessione sulla cancellazione della vita. L’opera si divide in quattro sezioni:

  1. La Spagna ferita. Un toro – simbolo della Spagna – dalla coda fumante come fosse un vulcano ricorda i fuochi dopo il bombardamento. Sotto questo una donna piange. I suoi occhi prendono la forma di lacrime, la lingua diventa una punta acuta quanto il grido di dolore urlato al cielo per compiangere il figlio morto che tiene sulle gambe.
  2. La follia della guerra. La guerra è un cavallo imbizzarrito, l’uomo non ne ha mai il controllo. Gli occhi piccoli dell’animale ne ricordano l’assenza di ragione. In bocca una forma ogivale ricorda un ordigno esplosivo lanciato e pronto ad esplodere. In alto c’è una luce artificiale, una lampadina che non illumina: è la bomba.
  3. La distruzione del classico. La classicità si fonda sull’equilibrio, sui rapporti matematici. La follia della guerra distrugge l’ordine, la bellezza, il classico.
  4. La distruzione dell’uomo. La guerra uccide le persone. L’ultimo pannello riporta lo spettatore alla cruda realtà distrutta dove gli uomini e le donne soccombono sotto i bombardamenti.

Guernica non è una lirica disperata che subisce la distruzione della guerra. Ci sono due elementi di speranza: sullo sfondo, tra il toro è il cavallo, si intravede una colomba che vola verso l’alto; in basso, a legare i primi tre pannelli c’è un uomo, forse un soldato morente che in mano ha una spada spezzata e un fiore al centro focale del quadro.
Picasso non si limita a dire la sua sulla guerra e la distruzione ma chiama l’arte stessa a insorgere contro la follia. Ecco i riferimenti.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Brevi storie e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...