Anfora del lamento funebre della necropoli del Dipylon di Atene, 760-750 a.C.

Requiem greco

Il culto dei morti, i riti di sepoltura, hanno permesso la realizzazione di opere meravigliose, forse per compensare la paura di non esistere. Tra le più antiche formulazioni dell’arte funerari c’è il Dipylon, il vaso del lamento funebre.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.