Archivi categoria: Uncategorized

Prima di prima

E se andassimo avanti guardandoci alle spalle. Sappiamo che rischiamo di fare un brutto incidente o trasformarci in statue di sale. In ogni caso nella Storia dell’Arte c’è chi ha deciso di non seguire i buoni consigli. Col senno di poi possiamo dire che ha fatto bene. Oggi a Quello di Arte Blog Radio Podcast parleremo di Primitivismo.

Continua a leggere Prima di prima

Annunci

Il movimento moderno

Come cambia l’architettura all’inizio tra gli anni venti e gli anni cinquanta del novecento? Chi sono i principali architetti che hanno favorito e promosso il movimento moderno dallo stile razionale, funzionale e internazionale? Quel che resta sono architetture così ben progettate che, a dispetto degli anni, sono sempre moderne e hanno ancora molto da insegnare. Oggi Quello di Arte Blog-Radio Podcast parlerà di questo.

Continua a leggere Il movimento moderno

Egitto: la pittura e la scultura in funzione del divino.

Scala lunare con 14 gradini, IV sec. a.C., Dendera, Tempio di Hator
Scala lunare con 14 gradini, pittura a rilievo, IV sec. a.C., Dendera, Tempio di Hator

Nell’antico Egitto, pittura, scultura e scrittura, nascono con il medesimo fine: celebrare la divinità, poiché il faraone è il primo motore dell’arte e rimane tale per circa tremila anni. Si da’ così per scontata una determinata, immutevolezza dello stile che non varia, salvo poche eccezioni: come nel regno del faraone “eretico” Akenathon che fu in carica dal 1350 a.C fino al 1333 a.C fino; nel periodo alessandrino e romano ovvero dalla conquista  di Alessandro Magno nel 332 a.C. fino alla battaglia di Azio del 30 a.C. dove Cleopatra viene deposta e l’Egitto diventa provincia romana.
Ma perché l’arte egizia rimane sempre la stessa e quali sono le sue caratteristiche?

Continua a leggere Egitto: la pittura e la scultura in funzione del divino.

Bello é buono?

Il mito della bellezza è un’importante filo che lega tutta l’arte. Attraverso la bellezza si manifestano valori positivi. Un argomento che interessa gli artisti perché attraverso l’immagine necessariamente si veicolano sentimenti e significati interiori. Fino a che punto però si può dire che l’arte si è spinta nel territorio della fisiognomica?

Continua a leggere Bello é buono?