Raffaello, Parmigianino, Barocci. Metafore dello sguardo.

Musei Capitolini, Roma. 2 ottobre 2015 – 10 gennaio 2016

Raffaello, autoritratto

Inizia a Roma oggi la mostra su tre grandi artisti che hanno segnato l’arte del Rinascimento e del manierismo monento in cui l’artista suscitava emozioni attraverso lo strumento del disegno puramente intellettuale e di invenzione, confrontandosi in maniera ineguagliabile con la natura al punto che l’epitaffio che  ricorda il giovane di Urbino recita così: “Qui giace Raffaello, dal quale la natura temette mentre era vivo di essere vinta; ma ora che è morto teme di morire”.

Suoi eredi artistici sono Francesco Mazzola, al secolo Parmigianino, considerato dai contemporanei la reincarnazione di Raffaello; Federico Barocci, proveniente anche lui da Urbino,  acclamato nel ‘500 come il più abile conterraneo.

Quella di Parmigianino e di Barocci, non è imitazione di Raffaello, bensì rielaborazione di un pensiero attraverso la pratica delle linee e la maestria del colore.

Vai al sito dei Musei Capitolini.


Articoli correlati:

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Inizia oggi e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...